3-multirischio

SYNER-G

Systemic Seismic Vulnerability and Risk Analysis for Buildings, Lifeline Networks and Infrastructures Safety Gain

SETTIMO PROGRAMMA QUADRO
Ruolo di AMRA nel progetto
AMRA è stata leader del task 6.5, Applicazione e studio di validazione di una rete di gasdotti in Italia ed ha partecipato ai WP2 (attivamente), WP4 (attività di supporto), WP5 (attività di supporto), e WP8 (attivamente).

Staff di progetto
Iunio Iervolino, Gaetano Manfredi, Paolo Gasparini, Alfonso Rossi Filangieri, Simona Esposito, Eugenio Chioccarelli, Antimo Fiorillo, Sonia Giovinazzi, Ludovica Elefante, Georgios Baltzopoulos


THEME
FP7-ENV-2009-1
ENV.2009.1.3.2.2:Vulnerability assessment of buildings, lifelines systems and networks related to earthquakes

Durata: 36 mesi
Inizio: Novembre 2009
Fine: Ottobre 2012

Web Site: http://www.vce.at/SYNER-G/

Coordinatore del progetto per AMRA
Iunio Iervolino

PARTNER

1. AUTH
Aristotle University of Thessaloniki, Grecia
Kyriazis Pitilakis
COORDINATORE
2. VCE
Vienna Consulting Engineers, Austria
Helmut Wenze
3. BRGM
Bureau de Recherches Geologiques et Minieres, Francia
Hormoz Modaressi
4. JRC
Commission of the European Communities - Directorate General Joint Research Centre, Belgio
Artur Pinto
5. NGI
Norwegian Geotechnical Institute, Norvegia
Amir M. Kaynia
6. UPAV
University of Pavia, Italia
Michele Calvi
7. UROMA
University of Roma “La Sapienza”, Italia
Paolo E. Pinto
8. METU
Middle East Technical University, Turchia
Polat Gülkan
9. AMRA
Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale Scarl, Italia
Iunio Iervolino
10. KIT-U
Karlsruhe Institute of Technology, Germania
Friedemann Wenzel
11. UPAT
University of Patras, Grecia
Michael N. Fardis
 12. WILLS
Willis Group Holdings, Inghilterra
Iman Karimi
13. UILLINOIS
Mid-America Earthquake Center, University of Illinois, Stati Uniti d’America
Amr Elnashai
14. UBOKE
Research Centre for Urban Safety And Security, Kobe University, Giappone
Atsushi Iizuka
 


Il Progetto Syner-G ha focalizzato la sua attività sulla vulnerabilità sismica e sull’analisi dei rischi cui sono sottoposte strutture edificate, linee di comunicazione ed infrastrutture. L'obiettivo generale del progetto era quello di aumentare la conoscenza della vulnerabilità dei vari elementi sociali esposti a rischio appartenenti ad un sistema (città, regione, rete di comunicazione, ecc) e di proporre metodi e strumenti adeguati a considerare le interdipendenze di intra-sistemi e tra elementi, comprese le caratteristiche socio-economiche.
Il progetto ha promosso l'uso di risorse e strumenti moderni per la mitigazione del rischio sismico e proponendosi di diventare un punto di riferimento europeo per la vulnerabilità sismica sociale e fisica. Per raggiungere questo obiettivo, i partner in SYNER-G, attraverso un processo interattivo e ben strutturato hanno collegato il progresso scientifico e tecnologico con lo sviluppo di approcci che tengono conto delle prospettive sociali, al fine di sviluppare un approccio unificato.
SYNER-G ha, inoltre, raggiunto i seguenti obiettivi:
  • Elaborazione, nel contesto europeo, di rapporti di fragilità per l'analisi di vulnerabilità e la stima di perdita di tutti gli elementi a rischio, per edifici, aggregati di edifici, le reti di servizi (acqua, acque reflue, energia, gas), sistemi di trasporto (strade, ferrovie, porti), oltre al complesso di strutture di assistenza medica (ospedali) e sistemi antincendio.
  • Sviluppo di relazione relative alla vulnerabilità sociale ed economica per quantificare l’impatto dei terremoti.
  • Sviluppo di una metodologia unificata per la contabilizzazione di una valutazione sistemica delle vulnerabilità per tutte le componenti (strutturali e socio-economici) esposte a rischio sismico.
Il principale risultato di Syner-G è uno strumento software open source per la valutazione della vulnerabilità sismica e delle perdite considerando sia gli aspetti fisici che quelli socio-economici.

Angela Di Ruocco, Alex Garcia-Aristizabal, Claudio Martino, Raffaella Russo, Anna Bozza
In corso
  1. METROPOLIS: Metodologie e Tecnologie Integrate e Sostenibili per l'adattamento e la Sicurezza di Sistemi Urbani
  2. GRISIS: Gestione dei RIschi e Sicurezza delle Infrastrutture a Scala regionale
  3. PROSIT: PROgettare in SostenibilITà: qualificazione e certificazione in edilizia
  4. STREST: Harmonised approach to stress tests for critical infrastructures against natural hazards
  5. TEMASAV: TEcnologie e Monitoraggio Ambientale per la Sostenibilità delle Aree Vaste
  6. VINCES: Valutazione Integrata del Ciclo di Vita per l’Edilizia Sostenibile
  7. PROVACI: Tecnologie per la PROtezione sismica e la VAlorizzazione di Complessi di Interesse culturale
Conclusi
  1. CLUVA: CLimate change and Urban Vulnerability in Africa
  2. CRISMA: Modelling crisis managemen tfor improved action and preparedness
  3. MATRIX: New Multi-HAzard and MulTi-RIsK Assessment MethodS for Europe
  4. MOSSCLONE: Creating and testing a method for controlling theair quality based on a new biotechnological tool. Use of a devitalized mossclone as passive contaminant sensor
  5. SYNER-G: Systemic seismic vulnerability and risk analysis for buildings, lifeline networks and infrastructures safety gain funded
  6. SAFELAND: Living with landslide risk in Europe: Assessment, effects of global change, and risk management strategies
  7. SoilCAM: Soil Contamination - Advanced integrated characterisation and time-lapse Monitoring
  8. Na.R.As.: Natural Risks Assessment
  9. Cuenca: Piano digestione dei rischi per i sistemi di acqua potabile e fognario della città di Cuenca, Ecuador
  10. Soroche: Servizi di consulenza per la protezione del sistema idrico Tomebamba-Machangara della città di Cuenca (Ecuador) dagli effetti della frana di Soroche
  11. ByMuR: BaYesian MUlti-Risk assessment: a case study for natural risks in the city of Naples