ESPRESSO

Enhancing Synergies for disaster PRevention in the EurOpean Union
Ruolo di AMRA nel progetto
AMRA è il coordinatore del Progetto. 
AMRA è inoltre leader del WP6: Project management and coordination 

Staff di progetto
Angela Di Ruocco, Alexander Garcia-Aristizabal, Mattia Federico Leone, Francesca Gallinella, Alfonso Rossi Filangieri, Lucia Malafronte

Miglioramento delle sinergie per la prevenzioni delle catastrofi in Europa

Horizon 2020
DRS-10-2015
Topic: DRS-10-2015 Type of action: CSA

Durata: 30 mesi
Data inizio: 01/05/2016
Data fine: 31/10/2018

Sito web: http://www.espressoproject.eu/

Coordinatore del progetto per AMRA
Giulio Zuccaro

PARTNER

1. AMRA Scarl
Analisi e Monitoraggio del rischio ambientale Scarl
Italia
COORDINATORE
2. GFZ
Helmholtz-Zentrum Potsdam Deutsches Geoforschungszentrum
Potsdam, Germania
Stefano Parolai
3. BRGM
Bureau de Recherches Géologiques et Minières
Gilles GRANDJEAN
4. DKKV
Deutsches Komitee für Katastrophenvorsorge e.V.
Annegret THIEKEN
5. ETHZ
Eidgenössische Technische Hochschule Zürich
Anthony PATT
6. HUD
University of Huddersfield
Dilanthi AMARATUNGA
7. UCPH
Københavns Universitet
Kristian CEDERVALL LAUTA
 

Il 2015 è l’anno in cui, grazie alla sottoscrizione dell’Accordo di Sendai e di Parigi COP21, è stato compiuto un passo avanti rispetto a quanto prescritto dagli accordi di Hyogo e dal protocollo di Kyoto. Contemporaneamente l’Unione Europea ha preso coscienza del fatto che molti dei risultati e delle indicazioni sviluppati nei progetti Europei sui rischi naturali non erano facilmente applicabili e difficilmente realizzabili a causa della presenza di contraddizioni interne. Pertanto, da parte della Commissione Europea, si è manifestata l’esigenza di identificare le azioni necessarie da promuovere al fine di individuare le nuove linee strategiche della ricerca nel settore della riduzione dei rischi naturali che consentano di superare tali contraddizioni. Per questo motivo è stato emesso un bando per la definizione di nuove strategie volte a consolidare le sinergie tra la Commissione stessa e gli Stati europei nel settore della riduzione dei rischi naturali.
È in questo nuovo ambito che si colloca l’innovativo Progetto Europeo ESPREssO (Enhancing Synergies for disaster PRevention in the EurOpean Union) coordinato dalla società consortile con sede a Napoli “AMRA – Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale – Scarl” e diretta dal Prof. Paolo Gasparini – finanziato dalla UE nell'ambito del programma Horizon 2020 della durata di tre anni.
ESPREssO mira a definire strategie innovative nella riduzione dei rischi naturali muovendosi lungo tre direttrici tematiche principali che sintetizzano le principali contraddizioni da risolvere in tema di riduzione dei rischi naturali:
  1. La necessità di una maggiore aggregazione tra il mondo della ricerca ed il mondo legislativo e di governo del territorio sui temi della riduzione dei rischi naturali;
  2. l’esigenza di integrare i temi dell’adattamento ai cambiamenti climatici all’interno del tema più ampio relativo alla riduzione dei rischi naturali;
  3. l’urgenza di una gestione più efficiente degli eventi catastrofici che colpiscono nazioni confinanti.
Per il raggiungimento di tali obiettivi è necessario un approccio globale e un gruppo di partecipanti multidisciplinare. Anche per questo il Consorzio del Progetto ESPREssO è formato da sette partner europei in possesso di competenze in questioni legali e di governance, gestione dei rischi naturali, aspetti socio-economici e di resilienza, approcci statistici e multi-rischio. Il gruppo, guidato da AMRA Scarl, Napoli, Italia comprende:
  1. GFZ, Potsdam, Germania;
  2. BRGM, Orleans, Francia;
  3. DeutschesKomiteeKatastrophenvorsorgee.V . DKKV - Germania;
  4. ETHZ , Zurigo, Svizzera;
  5. University of Huddersfield - Regno Unito;
  6. Københavns Universitet – Danimarca.
Espresso svilupperà un Forum con gli Stakeholders i partecipanti al progetto, promuovendo meccanismi efficaci e interazioni con gli attori chiave mediante un approccio bottom-up.