GRISIS

Gestione dei RIschi e Sicurezza delle Infrastrutture a Scala regionale

Stress S.c.a r.l
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI "FEDERICO II
AMRA S.c.a r.l.
D’APPOLONIA S.P.A.
CALCESTRUZZI IRPINI S.P.A.
GEOSLAB s.r.l.
TECNOIN S.P.A.
TECNOSISTEM S.P.A.

Responsabile Amra
Iunio Iervolino

Sintesi del progetto
Il progetto GRISIS – Gestione dei RIschi e Sicurezza delle Infrastrutture a Scala regionale - si pone come obiettivo lo sviluppo di metodologie, tecniche e procedure per la valutazione dei rischi e la gestione della sicurezza delle grandi infrastrutture civili e delle reti di beni e servizi.
Le tematiche di ricerca sono affrontate in un’ottica multidisciplinare al fine di pervenire ad un’analisi olistica dei rischi (naturali e antropici) sulle grandi infrastrutture civili e, conseguentemente, allo sviluppo di tecniche ed applicazioni mirate non solo alla mitigazione ed alla gestione dei rischi, ma anche alla messa in sicurezza delle reti infrastrutturali su larga scala. In accordo con tale approccio, GRISIS ha l’obiettivo di sviluppare non solo soluzioni tecnologiche per la riduzione della vulnerabilità, ma anche per la gestione unitaria dei vari rischi che possono interessare le grandi infrastrutture civili.
I cinque obiettivi realizzativi affrontano i temi descritti in modo autonomo, ma in un’ottica di complementarità e congruenza con gli obiettivi complessivi del progetto che trova una sintesi in quattro interventi dimostratori.
Le reti di sistemi urbani complessi e l’insieme delle relative infrastrutture, ossia delle reti di beni e servizi e delle componenti che strutturano il territorio secondo le necessità umane, costituiscono nel loro insieme il luogo in cui si condensano le maggiori trasformazioni della nostra società.
La sostenibilità di tali sistemi rappresenta, quindi, un obiettivo fondamentale cui puntare attraverso l’integrazione di discipline e tecnologie diverse. Il concetto di sostenibilità, infatti, include dentro di sé quello di sostenibilità ambientale, ma anche economica e sociale. Coerentemente con ciò quindi, il perseguimento della sostenibilità di tali sistemi complessi deve passare attraverso l’impiego di soluzioni tecnologiche, procedure realizzative e metodologie che consentano non solo di ridurre al massimo le criticità ambientali ed economiche, ma anche di incrementare la sicurezza, fondamentale prerequisito per il conseguimento della sostenibilità sociale.
La sicurezza di tali sistemi complessi può essere facilmente compromessa da scelte ed interventi errati che non tengano conto dei rischi naturali ed antropici cui i sistemi stessi sono esposti. Azioni preventive a lungo termine, quali un’oculata ed attenta pianificazione del territorio supportata da un’analisi dei rischi presenti sul territorio, nonché una buona organizzazione delle azioni a breve termine per la mitigazione dei rischi ed una efficace gestione del dopo evento sono senz’altro tra i principali strumenti atti ad incrementare la sicurezza di tali sistemi complessi.
La definizione di tali strumenti, con riferimento alle infrastrutture a scala regionale, rappresenta l’obiettivo generale del progetto GRISIS.
Più precisamente, il progetto, si pone come obiettivo lo sviluppo di metodologie, tecniche e procedure per la valutazione e la gestione della sicurezza delle infrastrutture civili a scala regionale.
Ai fini del raggiungimento di questo obiettivo del progetto, si prevede che siano affrontati non solo temi di ricerca relativi allo sviluppo di nuove soluzioni tecnologiche per la messa in sicurezza di tali infrastrutture, ma anche metodologie ed applicativi software per la valutazione di scenari di rischio naturale (simico, vulcanico, idrogeologico) ed antropico su scala regionale, con possibilità di previsioni di danno al fine di individuare efficaci misure di mitigazione del rischio stesso.
I prodotti e le metodologie, applicati e testati attraverso dimostratori nella regione Campania, si prevede siano esportabili in differenti realtà.

OR1 (Prodotti e metodologie per la gestione e mitigazione del rischio sismico nel pre- e post- evento per infrastrutture e reti di edifici strategici
OR 2 (Sviluppo di un modello di valutazione e mitigazione del rischio di caduta ceneri e sistema di EW per colate rapide di fango post- eruttive)
OR 3 (Sistema di EW per la gestione del rischio idrogeologico e soluzioni innovative per la progettazione e realizzazione di manufatti per la mitigazione)
OR 4 (Sviluppo di metodologie e prototipi per il trattamento e lo smaltimento di disaster and hazardous wastes generati da un evento naturale o antropico e per la gestione del rischio di inquinamento di acqua, aria e suolo)
OR 5 (Metodologie, tecniche e sistemi per il monitoraggio delle infrastrutture di rete su larga scala (i.e. Internet), i grandi data center, le infrastrutture e gli impianti elettrici)